Olivia Romiti ind’a corti di i maiò

0

Membre di u “Pôle Espoir” di Corsica induve ella hè a solu femina, Olivia Romiti face parte di a famosa struttura chì adunisce i dodeci ghjovani i megliu di a so catuguria. Senza piglià si u capu, a zitella travaglia tutta a settimana è colla in Bastia a dumenicata per ghjucà cù i “menu di quattordeci anni” di u Sporting…

Dapoi anni è anni è per quelli ch’ùn la sanu micca, u ghjocu à ballò, ùn hè più dedicatu, solu, à l’omi o i masci per i più chjuchi. Liò o u PSG è ancu a squadra di Francia feminile mostranu a strada. Di più, qualchì struttura prufessiunale anu una sezzione feminile. Ghjè u casu à l’ACA o u Sporting. Logicu, tandu, di vede di tantu in tantu una zitella, affaccà si à u “Pôle Espoir”, purtatu da a FFF è gestitu da Antone Pireddu è a so squadra. Questu annu, Olivia Romiti, una Burghisgiana, face parte di a struttura. Licenzata à u Sporting, hè scritta in quarta à u culleghju di u Stilettu cù un percorsu particulare: scola a matina fora di u vennari è intrenamentu à u CSJC u dopu meziornu. Ogni vennari, volta in Bastia è ghjoca cù a squadra di i menu di quattordeci anni di u Sporting (R1). Seconda zitella à entre in issu genaru di struttura à tredeci anni, hè prumessa à un avvene d’oru cum’è d’altre  nanzu à ellu cum’è Morgane Nicoli, oghje in Montpellier, Kenza Chapelle o Priscella Casu, passate per a struttura stallata à u CSJC…

Sparte

Dipusità unu cummentariu