U slanciu frenatu di u GFCA

0

U cunfinamentu hà fattu male à a squadra aiaccina chì era, u sedeci di marzu scorsu, à u capu di a classifica. Ancu s’è, per via d’un aspettu suldarinu, ùn si trattava micca di cullà questu annu in seconda divisione, ghjè l’inseme di a struttura chì paca monda. Ma cunniscimu a vulintà è u stintu di a squadra dirigente per ripiglià si lestru…

In u so pianu à più o menu longu andà, quand’ellu ripiglia in manu, e chjave di u GFCA, François-Xavier Ripoll presidente di a sezzione handball,  si mette  cum’è scopu, cù d’altri dirigenti, a seconda divisione da quì à u 2022. In cinque anni, ci vole à ricunnosce chè u calendariu hè statu rispettatu. Una cullata in N1, in dui anni, una fiara ritruvata, dui maccioni di fronte à u PSG in cuppa di Francia è ogni volta, percorsi degni di i più maiò. Per prove, questu annu, u GFCA era à u capu di a classifica cù, solu, duie scunfitte. Si sà, per via di un bugettu, ch’ùn pudia cullà o dumandà à cullà in seconda divisione ma stu scopu quì era privistu per u 2022. Oghje, cù u cunfinamentu è a perdita di soldi, alidlà di u so solu aspettu spurtivu, l’affare hè più difficiule. “A perdita hè impurtante, spiega u presidente di i Rossi è Turchini, una fasa finale era privista per un titulu simbolicu è passà dopu in “Elite”, ultimu passaghju nanzu à a Seconda divisione, un statutu ch’impunia 800000 auri di bugettu. Pudiamu cullà in “Elite” ma l’affare di  u siscu ci impedisce d’avanzà. Avemu persu aiuti finanziarii è ùn aghju micca vulsutu mette u GFCA in periculu cullendu in “Elite”. Sapemu d’induve ghjunghjemu, ci vole, prima, pinsà à strutturà a squadra in internu, à furmà i ghjovani. Avemu mantenutu a squadra riserva. E nostre ambizione sò appena in ritardu. Avemu da riparte l’annu chì vene cù listessu spiritu. Aghju da vede, unu à unu, tutti i ghjucadori è cuntinuà à custruisce.”

U prughjettu “D2 2022” hè messu à più tardi ma u GFCA, squadra pronta, ogni volta à mettesi sfide, puderà, di sicuru, cuntinuà a so strada. Sempre più altu…

Sparte

Dipusità unu cummentariu