ACA: un bon principiu

0

35943797-32314374Malgratu a parità, vennari scorsu, di fronte à Le Havre, in Timizolu (2-2), l’ACA hà sviluppatu qualità è virtù interessante per a seguita di u campiunatu…

U bichjeru mezu pienu o mezu viotu, eccu ciò chì pò ritene di u macciu trà l’ACA è Le Havre di vennari scorsu. D’un cantu, dui punti persi, masimu in casa soia, da l’altru, un cuntinutu assai interessante. sopratuttu in primu tempu. “Semu quantunque dillusi, spiega Olivier Pantaloni, l’addestradore biancu è rossu, ch’aviamu l’occasione per entre, à mezu tempu cù un’avanza più impurtante. Ci avaria permesse d’esse di più à l’agrottu è di pudè gestisce. mentre chè quì, hè statu u cuntrariu. In più di què, avemu fattu dui “rigali” à Le Havre. Ancu assai ch’avemu avutu l’energia necessaria per andà à cercà a parità. Ma si pudia sperà megliu.” Un puntu è un cuntinutu chì, secondu à u publicu prisente in Timizolu, ùn s’era più vistu dapoi anni è anni. Certu, u campiunatu principa appena ma ci vole à ricunnosce chè l’Aiaccini anu fattu a so preparazione senza i ghjucadori novi è cù una certa pressione, chè luntanu da u terrenu, si passava l’appellu davanti à a DNCG. tandu, si pò sperà megliu. masimu cù un principu di stagione di Gaëtan Courtet (duie realisazione per u so primu macciu) è Cyrille Bayala in tutti i colpi uffensivi…“Ci hà da vulè à squassà i nostri sbagli è à esse più realisti davanti è daretu.” Da cunfermà stu vennari in Grenoble

Sparte

Dipusità unu cummentariu